Il vino italiano alla conquista della Cina, grazie alla blockchain - Nicolo Mardegan

Il vino italiano alla conquista della Cina, grazie alla blockchain

Il vino italiano alla conquista della Cina, grazie alla blockchain

Il vino italiano conquista la Cina, grazie alla tecnologia hashtag#blockchain di EY (OpsChain, già utilizzata per tracciare più di 11 milioni di bottiglie di vino). La prima e più grande piattaforma di hashtag#ecommerce per promuovere qualità, provenienza e autenticità della produzione vinicola italiana sui mercati asiatici
N. Mardegan

La prima, e la più grande, piattaforma di e-commerce per promuovere la qualità, la provenienza e l’autenticità della produzione vinicola italiana sui mercati asiatici e in particolare quelli di Cina, Giappone, Corea del Sud, Thailandia e Singapore. E’ quello che promette di diventare Tattoo Wine, una soluzione basata sulla tecnologia blockchain di EY (OpsChain, già utilizzata per tracciare più di 11 milioni di bottiglie di vino) che deve la sua particolare definizione a un esemplificativo sinonimo: Tattoo sta infatti per Traceability (tracciabilità), Authenticity (autenticità), Transparency (trasparenza), Trade (commercio), Origin (origine) e Opinion (opinione).

Come funziona
Sviluppata da EY per conto di Blockchain Wine Pte Ltd, una società con sede a Singapore che si occupa della commercializzazione di vini d’annata in Estremo Oriente e in tutto il mondo, e supportata da The House of Roosevelt (una delle più grandi cantine asiatiche, che la utilizzerà per vendere vini direttamente dai vigneti a hotel, ristoranti, caffè e clienti finali), la piattaforma gestirà a partire da settembre oltre 5mila etichette provenienti da Francia, Spagna, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Sud America, California e Italia. Il plus dichiarato di Tattoo? Per l’appunto quello di combinare in un’unica soluzione tracciabilità del prodotto, vendite online e sistema di “tokenizzazione”, e cioè la conversione tramite smart contract dei diritti di un bene fisico in un dispositivo digitale registrato sulla catena dei blocchi.ù

CONTINUA A LEGGERE SU “IL SOLE 24 ORE”